martedì 14 ottobre 2014

Dalla Padella alla Brace

gdf


In epoca di uscita Guide è divertente andare a curiosare sull’una o sull’altra per vedere quali siano state le scelte fatte, specialmente nel segmento di locali di nicchia che non si trovano su tutte, quei locali di fascia intermedia sia per la qualità del servizio proposto o per la legittima scelta di dedicarsi al famoso buon rapporto qualità prezzo. Quelli famosi li conoscono tutti. Invece altri forse no: ristorantini semplici, oneste trattorie o gagliarde osterie di quartiere.
In alcuni casi ci si trova casualmente d’accordo pure su queste gemme rare.


Per fare un piccolo esempio prendo la località turistica di Alassio, dove -leggo sulla Guida de L’Espresso- sono stati scelti tre nuovi locali, gli stessi che ho scelto anch’io per la Guida Touring Club; senza che ci fossimo messi d’accordo. Chissà se lo saranno anche i ristoratori prescelti ...



Perché anche gli stessi ristoratori hanno le loro preferenze, nel senso che sarebbero più interessati ad apparire su un Guida  piuttosto che su un’altra, pensando che il loro locale si identifichi meglio con l’una o con l’altra. I più ambiziosi vorrebbero sempre esserci sulla Michelin, mentre quelli più umili ma non meno scrupolosi, e dove i prezzi sono gentili, sarebbero lieti di apparire su quella delle Osterie di Slow Food.

Carni, salumi e formaggi sono scelti anche in base alle indicazioni della chiocciolina ...

E invece questi bravi ristoratori di Imperia, che avrebbero una connotazione proprio da Osteria Slow Food, perché usano prodotti dei Presidi e perché stanno in una fascia di prezzo idonea … dicevo, invece di ritrovare la loro prima volta sulla Guida della Chiocciola si trovano lanciati a sorpresa su quella de L’Espresso, che recensisce con un testo solo due locali nella città dell’olio, indicandone solo marginalmente altri di maggior blasone, come quello dello stesso Sarri.

La pagina della Guida  è orgogliosamente esposta ...
...  da notare anche come è stato trattato Sarri dopo il cambio di marcia


Dalla Padella alla Brace, bene, leggo e ci vado a conoscere la signora Silvia Massa, che regge con autorevolezza un paio di sale che possono ospitare una quarantina di coperti, e del figlio Andrea Richero, che conduce la cucina col piglio del giovane autodidatta con risultati tranquillizzanti.

Dalla cucina, Andrea Richero



Dalla Padella alla Brace, nel senso che a pranzo tutti i piatti escono dalla cucina, mentre la sera l'Osteria si sdoppia proponendo anche carni e pesce alla griglia, che sono cucinati in un'altra cucina attrezzata specificatamente. 


Personal best record sulla specialità. Mai riuscito a bere una bottiglia di Dolcetto in 90 minuti.
Vorrà dire qualche cosa


Dal vario cestino del pane emerge un' ottima focaccia. 

Stoccafisso mantecato , insalatine e crema di olive taggiasche

Tagliolini con ragù piccantino di polipetti, pomodori confit e pesto

Spezzatino di coniglio disossato al Rossese su ratatouille

Bonet


gdf

7 commenti:

  1. Sarri, il migliore qp della riviera messo li come una qualsiasi trattoria di periferia .....bha ....
    Franck

    RispondiElimina
  2. Lucio e Braccioforte ...da tanti tanti anni fanno bene il loro lavoro.
    Per Sarri ...tanto di cappello!!!!!!
    Nanolla

    RispondiElimina
  3. a giugno da Sarri ho notato una buona location. Tenendo conto che il mio dentista ed il mio ex commercialista hanno lo stesso cognome.

    F.

    RispondiElimina
  4. bevuto Roagna in 90 minuti?Scarso..!

    Pat Garrett

    RispondiElimina
  5. ritorno, dopo una fuga giustificata dal tempo del cacchio che abbiamo avuto ad est. ritorno con gioia a leggervi, che mi fate allegria. io roagna me lo sorseggio in 30... ah! :)

    RispondiElimina
  6. io in 15..

    Pat Garrett

    RispondiElimina