venerdì 14 ottobre 2016

Il venerdì del DJ : André Beaufort Champagne Brut Nature s.a.



Circa gli champagne di Beaufort, se ne sente e se ne legge di tutto e di più.
A Jacques, nello specifico, gli viene addebitata carenza di regolarità qualitativa, rimproverandogli, spesse volte, bassa acidità, riduzione a manetta e altre puzzette.

Per capire e apprezzare questi vini, è fondamentale, e indispensabile, secondo il mio modestissimo parere, avvicinarsi con un approccio completamente diverso, opposto direi, dal classico “dai beviamo una bolla anyway”.
Non a caso ho scritto vini…

Oltre due anni fa, passai un intero pomeriggio da lui, ad ascoltarlo e, naturalmente, bevendo. Una persona semplicissima, di una umiltà senza pari. Ma anche di grande convinzione e saggezza. Assaggiai una quindicina di suoi champagne, di cui alcuni aperti da tre, dico tre settimane, a temperatura ambiente del suo garage (15-17 gradi).
Alcun difetto, qualche lieve sbavatura. Prova a bere una qualsiasi bollicina a quella temperatura, poi mi citofoni e ne parliamo...

Di questo brut nature, da vigneti in Ambonnay – altra storia da quelli di Polisy - ne comprai sei bocce, sboccatura luglio 2012, e questa è l’ultima. Tutte aperte con adeguato anticipo, inizialmente tutte rigorosamente ridotte, aspettate il necessario e rivelatesi tutte mai meno che ottime, bevute mai fredde, appena fresche o, anche meno.
Ecco l’approccio. Poi, per carità, se ci sono difetti, sono il primo a riconoscerli e, quanto a Jacques, non necessita delle mie perorazioni. Non sto sostenendo siano champagne perfetti, affermo essere diversi da quasi tutti gli altri. La cartina di tornasole è il profilo organolettico, inusuale per uno champagne.

Tutte le sue cuvée, provenienza Ambonnay – sia b.s.a, che millesimate – fanno malò, hanno il medesimo assemblaggio - 80 Pinot Nero e saldo di Chardonnay – e passano almeno 3 anni sui lieviti.

Il perlage è sottile, con un naso decisamente intenso e sfaccettato. Spiazzante l’inaspettata menta, come filo conduttore, con altri interpreti vegetali di pulizia inequivocabile: camomilla e fieno, foglia di pomodoro e salvia.

Deliziosa la quota fruttata, con cedro e pompelmo, ciliegia e mela cotogna.
Una mineralità più defilata e tocchi di cipria, non esauriscono una convintissima tessitura olfattiva, sempre cangiante e in crescita espressiva.

Grande dinamismo al palato, con pregiate stilettate di acidità, che affilano e conferiscono tensione al sorso, che comunque non ha nevrosi da brut nature.

Rigorosa e puntualissima l’aderenza naso-palato, con l’aspetto vegetale sempre trainante e una menta di incantevole taglienza e profondità.

Lunghezza determinata e notevole persistenza, per un finale balsamico-mentolato e una bella cifra di zenzero.

Uno champagne non per tutti, la cui accezione non vuole essere nè ad excludendum, nè snob, semmai, a prova di imbecille: se hai fretta, bevi altro, magari ghiacciato a 3/4 gradi.


Appagante con gnocchi di patate viola, burro e salvia.

9 commenti:

  1. Grande! Ho ancora dei '94 suoi...
    Yanez

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Desormais saranno Cognac avec des bulles. J'adore

      Elimina
  2. Absit iniuria comparatio, ma nel mio soggiorno lavorativo in Germania ho imparato che le buone birre vanno degustate a temperatura cantina. Ovviamente con lo champagne è più sorprendente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per te cercherò allora la Deus, la birra Champagne.

      Elimina
  3. Mitica la Deus ..... la birra dei bevitori di vino e Champagne
    Franck

    RispondiElimina
  4. Scrivo un posto sullo champagne e mi commentate con la birra. Vi voglio bene sempre di effervescenZa si tratta. E tu Yanez tieniti stretto il 94. Ho bevuto da lui il Demi sec 1989 roba da brivido...lacrime di gioia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Absit iniuria comparatio, cioè senza offesa per lo champagne.

      Elimina
    2. Ma certamente Angelo, stavo scherzando ;-)

      Elimina