venerdì 13 febbraio 2015

Aspettando il Bocuse d'Or


gdf

Sempre che ci si possa arrivare, perché per giungervi in condizioni per lo meno dignitose sarà necessario trovare dei fondi che mettano al riparo da un bagno di sangue l'organizzazione e chi ci lavorerà sopra e sotto da qui alla prima finale. Tutto quanto si riduce al vile denaro? Purtroppo si, ma in ogni caso c'è da chiedersi perché l'Italia non dovrebbe partecipare a quello che sarà il prossimo Campionato Europeo di Cucina, che si terrà a Budapest l'anno prossimo, e con l'obiettivo non secondario di entrare tra le prime dodici squadre (su una trentina di partecipanti), quella splendida dozzina che avrà il diritto di giocarsi la finale Mondiale 2017, come sempre a Lione.


Istituzioni, sponsor, fatevi avanti, la vetrina è di quelle di primo piano, da subito, a partire dalla prossima selezione nazionale che dovrebbe tenersi a Milano, nel periodo dell'Expo. Nel frattempo questo, questo evento al Palafiori di Sanremo, durante il Festival, per prendere contatto e conoscenza con il complicatissimo regolamento, e con i primi coraggiosi cuochi che hanno trovato quel momento di sana follia, dove metterci la faccia, di farsi vedere in mutande, con l'entusiasmo, quel pelo di ingenuita e di incoscienza che potrebbe fare la differenza.



Non era un concorso, era un tavolo di lavoro allargato e condiviso con due grandi esperti di concorsi di questo calibro, e cioè Luigi Cremona e Fabio Tacchella, con i quali abbiamo affrontato una giornata in piena armonia, con molti spunti incoraggianti, almeno sul piano della qualità dei piatti, mentre per quanto riguarda i fondi necessari la ricerca continua.

Ganache, mascotte dell'evento

Un piatto di pasta utilizzando quanto presente in dispensa, senza preavviso, per dare un tono di italianità alla giornata, e poi un piatto già da concorso, in questo caso a tema libero, in attesa di conoscere, nel prossimo mese di giugno, quali saranno gli ingredienti, i due temi principali da sviluppare attorno ad una carne e ad un pesce.

Riccardo Bassetti

Uno spaghetto al pomodoro e spuma di peperone ...

Filetto di merluzzo gratinato all'aglio, cozze e funghi, broccolo e gelèe di chorizo ...

Augusto Valzelli

Spaghetto rosso su crema di baccalà mantecato ...

La coscia di coniglio confit con carciofo farcito di mousse di coniglio in salmì

Alessandro Neri

Paccheri con acciughe farcite e ragù di gole di baccalà ... e altro

ll baccalà al tartufo bianco, spugna di ceci, carciofo farcito di gole di baccalà e agnolotto fritto farcito di stoccafisso, bèarnaise alle acciughe.

Alessandro Buffolino con la sua commis

Paccheri, broccoli, primosale, pomodorini ...

La variazione di piccione e foie gras, la salsa è nella verza

Lorenzo Alessio

Insalata di rigatoni e gamberi ...

La declinazione di maialino gratinato...

... con riduzione di Lambrusco

Gaetano Ragunì

Due inquadrature per l'elegante salmone e finocchio, tartare di scampi e caviale di limone ...

Foto dei suoi mezzi paccheri nella bisque non presentabile

Debora Fantini

La sua interpretazione della terrina tiepida di branzino e gamberi

E gli sfiziosi spaghetti fritti e farciti ...

Il pubblico gradisce

Gran finale con la consegna per tutti del libro Pasta Damare, by De Cecco-Cremona

Tutti i piatti dell'evento visti dall'alto

gdf

3 commenti:

  1. Pasta, pasta, pasta...
    mi si ingrossa il fegato.

    F.

    RispondiElimina
  2. Proteine, carboidrati, belle, belle, ma le gnocche del Palafiori? Post a parte?
    Franck

    RispondiElimina
  3. Maestro, ossequi
    GML

    RispondiElimina