mercoledì 10 dicembre 2014

Sant'Ambroeus




Fabrizio Nobili : tra mostre d'arte e cucina tipica milanese ...
 ( o anche no - n.d.r. )



Una giornata uggiosa è una buona scusa per andare a Milano a vedere qualche mostra d'arte.
La scelta è ampia ma subito la mostra fotografica di Walter Bonatti viene respinta.
Van Gogh?
Seee magari! Il giovane addetto del Palazzo reale con un accento slavo ci informa che serve attendere più di quanto si possa credere. Eppure le biglietterie erano ancora chiuse.
Chagall?
No, alla moglie non piace.
Giovanni Segantini ha quasi coda, è uno dei miei pittori preferiti, si potrebbe fare.
Tento invano di convincere la moglie a lasciarmi entrare in un'altra mostra fotografica senza coda. Lì le forme d'arte sono diverse dai soliti quadri a olio ma di grandissimo interesse artistico, faunistico e naturalistico.
The Cal.



IYO

Il cucciolo invece insiste perché poi si vada a pranzo, è sempre pronto quando c'è da mangiare.

Vabbè dai faccio una telefonata: si sono aperti ho prenotato.



Il locale lo frequentavamo spesso qualche anno fa, la moglie lavorava a 100 mt ed io a circa un kilometro, l'ideale per una pausa pranzo. Un posto che i cabarettisti definirebbero di cucina tipica milanese.

Quest'anno la rossa gli ha appioppato la stellina, forse per dare un indirizzo ai turisti in vista dell'Expò?
NO!!!

Le modifiche e le scelte effettuate riducendo i coperti, organizzando professionalmente l'accoglienza, migliorando il servizio al tavolo hanno portato un netto miglioramento per il cliente.




Inoltre, ora in carta non hanno più i dolci di Ernst Knam ma sono prodotti da loro. La carta dei vini poi è interessante, soprattutto sulle bollicine ma anche sui vini fermi ci sono nomi dall'ottimo rapporto qualità – prezzo. Tanto che l'occhio cade direttamente sull'ottimo Herzu di Ettore Germano.



Al ristorante IYO alla domenica a pranzo era pieno in ogni ordine di posti.
A Milano? Sì! Ma se sono quasi tutti chiusi i ristoranti di domenica in città? Boh?



Tra i piatti di sushi per mio figlio ed altri presi dalla carta come l'ottima
Millefoglie di ricciola con mango Thai, emulsione al mandarino e pepe di Sichuan presentata su una tavoletta di ardesia a spacco per contrastare i colori.



Il carpaccio di astice con emulsione al lime, polvere di capperi di Pantelleria, puntarelle, melograno e wasabi è giocato sull'acidità e la finezza.




Sempre di stampo giapponese ma più arrotondato e dolce nei sapori l'Ebi flò è un tempura di gamberi, tartare di salmone, fiori di zucca e ikura.




Cosmopolitan è una mousse di sesamo nero, mousse di cioccolato bianco con all'interno una emulsione di pompelmo e gin monkey 47.



Il raviolo di ananas con pallina di cioccolato bianco ripiena di moijto e bavarese alla vaniglia bourbon.



Monkey 47 Gin per finire.

Arrivederci a presto a IYO
F.N.




15 commenti:

  1. Caro Nasone da Meda, volessi avvicinarmi alla cucina del Sol Levante che, in giro per il WEB, viene definita in un arco di aggettivi che va da “spennapolli” a superlativa, ti chiedo, sapendo che non sei un pollo, se quel che si spende è speso bene o se è meglio che ci vada già spiumato… bella la foto del piatto in apertura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si spende il giusto, non da spennapolli.

      F.

      Elimina
    2. Oggi a pranzo era al completo...mi sono dirottato al Pomireou....

      Elimina
  2. Ciao, sono IYO, sei sicuro di aver spedito il post al blog giusto? O al blog giusto il post sbagliato? Complimenti in ogni caso per la scelta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao TYU, secondo te a quale blog avrei dovuto fare riferimento?
      :)

      F.

      Elimina
    2. Questi anonimi ... la mia disperazione ... mah, cosa dirti F, quando avrai finito con i Jap, prova i Cinesi, e poi le hamburgherie italiane. Manda pure a me, qualche cosa ci faremo

      Elimina
    3. I cinesi milanesi li farò recensire a mio figlio, ma anche gli indiani e i thai. L'esperto è lui visto che sua mamma cucina spessissimo piatti orientali. Gli amburgher sono già stati classificati dalla categorie professionistica io il mio piccante lo mangio ottimo ambrugherio (mb) che accompagno alla Guinness.
      F.

      Elimina
  3. Il mistero s’infittisce…
    Copio&incollo, per l’occasione, una frase storica presa da L.P. (che non è un disco e nemmeno un CD) che ho tenuto da parte con cura sapendo che si sarebbe presentata l’occasione:
    Chi song j lo so e lo sanno ma tu chi si?
    Complimenti in ogni caso per il commento

    RispondiElimina
  4. ...e poi dicono che i post sul Sol Levante sembrano tutti uguali, invece c'è mandorla&mandorla, ma quella esilarante non pensavo esistesse, forse F sta per Franz, un saluto
    Ale

    RispondiElimina
  5. ...perfetto!!! Era proprio quello che volevo leggere...grazie F. andremo prossimamente....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mauri, che bello rileggerti.
      F.

      Elimina
  6. Cm le migliori recensioni dei giapponesi sono quelle di lux eat.
    F.

    RispondiElimina
  7. ...ci siamo stati il mese scorso...che dire.....mio figlio ha pianto per l'emozione, (sono serio) di aver mangiato un sushi che non poteva assolutamente aspettarsi, essendo un adoratore di quelli all you can eat!!!! Qui l'asticella si alza ad un livello che in Italia è difficile trovare....cantina bella spessa, tra l'altro!!!

    RispondiElimina