mercoledì 14 novembre 2012

Il portiere di notte 1 | L'altra parte del giorno



- gdf 2013 -

Con il bel tempo guarda le stelle, in un altro tempo dava le stelle, e se faceva brutto tempo le toglieva dal cielo. Quello che dava le stelle adesso guarda le stelle dalla terrazza, sopra ad un lago immobile. 

E chi meglio di lui può occuparsi stanotte di mandare avanti questo albergo in Zona Laghi dopo averne giudicati così tanti in tanti anni? Il Direttore andava in giro dicendo: non sono io che do le stelle. Lui mi diceva: si, sono io che do le stelle, o almeno le propongo io a Monsieur le Directeur, perché io ho sotto controllo tutta la situazione.


E adesso che potrebbe anche dirigerlo di giorno un albergo ha invece preferito andarci di notte a viverlo, e da dietro la Reception, quando non c’è nessuno, quando l’Hotel assorbe le atmosfere di Shining; quando tensione, soddisfazione o incubo potrebbero nascondersi dietro ad ogni porta. Lui lo sa già quello che accadrà, ma aspetterà domattina per comunicarlo al suo Direttore, senza svegliarlo adesso.

Diceva Gianni Agnelli quando gli si chiedeva di Zibi Boniek: Boniek chi? Ah, si, quello del turno di notte! Ironicamente ma anche intelligentemente, senza disprezzare il talento di chi preferiva lavorare di notte alla Fiat. Zibi la metteva dentro solo nelle notti da Champions, poi di domenica pomeriggio si assopiva serenamente appena superata la metà campo.

Dicevo alla ragazza, vai pure di sopra, sali in camera, dont-vuorri, io intanto dovrei finire un discorso con il portiere di notte, se permetti. - Perché? Lo conosci? - No, appunto, è per questo motivo che vado a parlargli.

I portieri di notte non è vero che vorrebbero dormire di nascosto dietro alla scrivania della Reception, loro vorrebbero trovare sempre qualcuno a cui dire le cose che sanno, nella massima intimità che può concedere la notte, come chi ha avuto la consegna del silenzio vorrebbe sempre trovare qualcuno di fidato a cui confidare quello che "sarebbe" un segreto.

Il portiere di notte, ragazza mia, sa già che cosa accadrà domani, perché ha davanti tutta la situazione: il numero di prenotati in arrivo e i clienti in uscita, quali sono gli habituè e quali gli occasionali, così come ha il polso del personale di servizio; sa chi ci sarà realmente in servizio o chi non ci sarà, e lo saprà solo lui il perché, perché avvisato discretamente e confidenzialmente all'ultimo, quando tutti gli altri se ne saranno già andati.

Lui lo sa già quello che succederà domani, perché lui vive già nel domani, lui è già nel giorno dopo, lui è il giorno dopo, mentre gli altri dormono.



Una pacca sulla schiena a chi ha perso di vista la sua stella nel cielo e un applauso e un gin tonic in più per tutti quelli che in questa notte non dormiranno, e che già da ora si stanno scambiando i complimenti per telefono, quelli che già da qualche giorno sanno quale  "taglia" avrà la giacca da cuoco che indosseranno oggi, anche se è ancora notte.



La notte è lunga se non dormi: full album allora, gin tonic a striscia, e con i trois macarons per Us and Them e altri a scelta;  ma qualcosa da fumarci sopra non ce lo mettereste?




- gdf venti tredici -

10 commenti:

  1. Pure una pasticca
    B

    RispondiElimina
  2. Roba buona, non tagliata. Ma che cos'è questo 1973 dopo 40 anni?

    RispondiElimina
  3. Apprezzo il cambio annata in corso d'opera.... ricorderò quest'anno per poche cose, un libro in testa.

    Massimo
    u gianchetto milanao

    RispondiElimina
  4. Milone ha preso un altro premio, e domani?
    B

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto, pure dei soldi stavolta. Senti il portiere di notte, io quel che potevo, per lui, l'ho fatto

      Elimina
  5. Estate 2011 vacanze-mare-notte, a lungo al telefono con L. per una volta in crisi al posto mio…poi i saluti ma non va..., mando un sms che, capisco solo dopo, accorcia solo di un minuto la lunga solitudine di una notte insonne, la sua risposta è con me da allora : notte amico mio la notte è ancora lunga…

    Mah torniamo al portiere di notte

    “E lei che viene a notte fonda,
    è così bella, è quasi sempre bionda.
    E' lei che cambia sempre cavaliere
    e mi parla soltanto quando chiede da bere.
    Ma la porterò via
    e lei mi seguirà. “

    ma anche quello del De La Ville di Riccione di qualche anno fa, adesso credo coltivi pomodori (o carciofi…) beh, rientro tardi e visto che non lo conosco chiacchieriamo, mi dice che viene al lavoro in bici perché non fa la coda ai semafori (sai a volte ci sono anche 4/5 macchine…) io penso alle mie tangenziali ed entra Fabio Volo che per chiedere una camomilla ci interrompe, “la camomilla te la faccio ma te la vieni a prendere te” poi mi sussurra : è la sua trasandatezza ricercata che mi indispettisce…

    Buona giornata Guardiano o Buona notte

    m.

    RispondiElimina
  6. conosco un solo portiere di notte...
    i maccarons non mi piacciono, inizieranno a piacermi quando saranno meno dolci e stucchevoli.
    ok il gin tonic, sempre col tanqueray mi raccomando.
    ok i pink, ma preferisco comfortably numb o Yet Another Movie.
    ci fumerei un toscanello aroma vaniglia, il mio preferito in assoluto.
    bisoux

    RispondiElimina
  7. ... comfortably numb è la numero uno, quanto alla vaniglia, la preferisco nel creme caramel, e mai nel vino, mi raccomando.

    RispondiElimina
  8. vaniglia nel vino?ma sei fuori? va che mi offendo.... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma me le vuoi mandare due bottiglie o te lo devo chiedere pubblicamente?

      Elimina