giovedì 24 gennaio 2013

App-erò!


 gdf 1977 h q

Entrano decisi ed eleganti. Sui 40, lei un po’ meno. Hanno simboli tribali alle dita, tondi e dorati, ma gli sguardi che si scambiano vanno oltre la famigliarità, sanno di marachella. Due giorni di monellate, glielo leggo nelle pupille.

Mi si appoggiano a fianco, al bancone. Si dicono cose che dopo dieci anni di matrimonio non ti verrebbero mai più in mente, neanche da ubriaco. Anche le loro mani faticano a rimanere in tasca, nelle proprie.

Lui estrae l’iphon e cerca due amici delle sue parti e li invita lì per l’aperò. L’accento lo posso indovinare in area 030-035, a orecchio. Fuori c’è il primo Bmw di taglia media a cui si aggiungerà il secondo, degli amici, targati BG ma per unavolta non Bulgari. Ecco, gli uomini in Rolex a peso e le ragazze in Cartier al polso e artiglieria pesante Pomellato al collo.

Posano tutti e quattro gli i-phon sul banco, apparecchiandolo. Arrivano, scopro, da quell’Hotel, proprio quello, quello fin de siecle, dove l’unica mano di vernice recente risale al ’48. Il proprietario viaggia con una Fiat 130 targata BS, Bisanzio.

Mi chiedo, ma non ce l’avete un pezzo di vecchia guida in macchina? Si lamentano a voce alta della rispettiva camera dell’albergo. Ma neanche una App sull’i-phone?
Mi scappa di incisivo di chiederglielo mentre ordinano il primo Aperol. L’uomo dei cocktail mi lancia un’occhiata, mi zittisco e mi metto defilato, mentre la domanda trabocchetto la subisce lui: dove ci consiglia di andare a cena stasera e domani sera?

 A questo punto, da grande mestierante, mi da via libera, in delega, levandosi il problema e nel contempo facendo bella figura. - Carne o pesce? - Stasera pesce e domani carne! - Apperò, idee chiare. E come mai siete andati a finire nell’albergo più obsoleto della città? -  Ci piace improvvisare quando stiamo insieme, nessun programma. -  Però il bar l’avete indovinato… -Beh, c’era gente e siamo entrati. - E con i ristoranti come la mettiamo? Volete segnarvi i nomi sull’i-phon e geolocalizzarli? - Non saprei come farlo o cosa farci… - Siete senza app? Come me.  Quindi che facciamo? Ve lo vergo su una pergamena l’indirizzo e poi chiedete in giro? – No, però se ci accompagna le offriamo il secondo aperò.




12 commenti:

  1. Perché non from here to eternity del Giorgone?
    Max

    RispondiElimina
  2. Giovedì scorso fuori a cena, prima che la pAPPa sia pronta e anche dopo : avrò 300 app, io pure, con 16 giga non ci fai niente, ne servono almeno 32, meglio 64 così puoi scaricarne di più di app, c'e ne sono 300mila, alcune app ti cambiano la vita...il mini è piccolo ma non sta comunque in tasca....guarda questa app poi dimmi..."beh la pizza è fredda ma ogni tanto stAPPo una bottiglia col Guardiano..."

    M

    RispondiElimina
  3. "La tecnologia ci ha regalato cose meravigliose, che hanno contribuito a migliorarci la vita o anche solo a renderla più divertente. Ma questa è la punta dell'iceberg: sotto si nasconde una mole di errori, orrori e fallimenti di ogni genere e dimensione. Alcuni da ridere, altri da arrossire per l'imbarazzo. dagli smartphone inutili ai computer progettati male, dai formati audio-video che non voleva nessuno ai social network deserti..." e un ricordo personale indelebile per le enorme cassette VHS Sony e per gli impianti QUADRIFONICI della Panasonic, anche per auto :-))

    RispondiElimina
  4. Y2KB (2000),Power Mac G4 Cube (2001),Segway (2002),Second Life (2003),Extended Copy Protection (2005),HD-DVD (2006), Windows Vista (2006), Porno Hi-Tech (2007)
    Per certe cose siamo ancora dei tradizionalisti :-)

    Sergio

    RispondiElimina
  5. E non vorrei buttare acido sugli schermi di questi strumenti che ormai non suonano neanche più, ti avvisano in modi diversi che c'è posta per te, c'è in linea qualcuno per te, c'è un msg per te. Il tuo interlocutore, il tuo compagno di aperitivo o di pranzo continua solo a guardare cosa gli comunica l'oggetto, che è diventato il suo vero e unico interlocutore, mentre di te ne può fare a meno, e io di loro. L'aperitivo e il pranzo lo condividerò solo con chi spegne quei pezzi di plastica, se no meglio da solo, ché è UGUALE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sfondi una porta APPerta, ecco un perché della mia attrazione verso la tua idea del barbonismo etico e della serenità che provo a condividere la tavola, le parole e i silenzi…

      Marco

      Elimina
    2. Parole sante Gardien.....

      The Mayor

      Elimina
  6. ... vorrei fare l'elenco dei migliori cento flop di ristoranti o piatti incensati per dieci minuti dalla critica e poi spariti nel nulla, nell'anonimato dell'incomprensione della gente comune, ma perché infierire, si sono estinti o si estingueranno naturalmente...

    RispondiElimina
  7. Non è per farti un App-unto, ma quest'ultima affermazione che c'entra col post?
    Parliamone.
    Alba

    RispondiElimina
  8. Forse l’effimero/inutile/banale in campo culinario poco APPetibile

    Anonimo M

    RispondiElimina
  9. Un App-Unta c'entrerebbe con la cucina?

    RispondiElimina
  10. Si, ma servirà detergente APP osito
    B

    RispondiElimina